101/2 COMMANDMENTI DI DI WRITING

Ogni autore è invitato da nuovi scrittori per un consiglio. Non esiste, tuttavia, una risposta onnicomprensiva, che sia anche corretta. Un sacco di suggerimenti comunemente offerti (“scrivere ogni giorno”) non funzionano per tutti e devono essere affrontati con cautela.

Qualche anno fa, ho deciso di creare una lista che andrà a beneficio di tutti i nuovi scrittori. Ho messo dieci comandamenti attraverso la strità dei miei coetanei, che hanno suggerito modifiche e ha notato che questa lista si applica non solo ai nuovi scrittori, ma agli scrittori in ogni fase della loro carriera. In effetti, avevo bisogno di ricordare più di uno me stesso.

Ecco, quindi, i comandamenti 101/2 della scrittura – con uno in più gratuitamente.

1. LEGGI AMPIAMENTE
Per avere successo come scrittore, è necessario leggere occasionalmente. Eppure ci sono aspiranti romanzieri che non raccolgono un libro da anni. Ci sono anche, più tragicamente, scrittori troppo occupati per impegnarsi con il prodotto finale del nostro mestiere. Se l’unica cosa che stai leggendo è te stesso si è tenuti a perdere lezioni preziose.

Lo stesso vale per la lettura solo all’interno di un genere preferito. Una dieta varia rafforzerà i muscoli letterari.

2. SCRIVERE
Non c’è bisogno di sbattere fuori 1.000 parole al giorno o penna una poesia perfetta prima di colazione, ma devi scrivere. La qualificazione fondamentale per essere uno scrittore è mettere le parole sulla pagina.

Se non lo stai facendo ora, è possibile che non lo farai mai.

3. SEGUI IL TUO CUORE
Quando si vuole davvero scrivere fiction letteraria, ma il mercato vuole romanticismo paranormale, scrivere narrativa letteraria. Inseguire il romanticismo paranormale sarà inutile. Scrivere bene è abbastanza difficile senza che il cinismo si introprima.

La passione non sempre paga, ma aumenta le probabilità che il tuo lavoro trovi una casa.
4. ESSERE STRATEGICI
Ma la scelta non è mai tra solo narrativa letteraria e romanticismo paranormale. Potresti anche avere progetti di poesia e passione narrativa non-fiction, ed è possibile che la saggistica narrativa si rivolge al pubblico più ampio. Se un pubblico più ampio è quello che vuoi, la saggistica narrativa è quella da scegliere.

Se, tuttavia, non dai due scona sul tuo pubblico, scrivi quello che ti piace.

Ci sono un sacco di diversi tipi di scrittori e un sacco di percorsi diversi per diventare lo scrittore che si vuole essere.

5. ESSERE CORAGGIOSI
Scrivere è difficile, intellettualmente e fisicamente. Ci vuole anche lavoro emotivo, trattando con l’esposizione, il rifiuto, la paura e la sindrome dell’impostore. È meglio che tu lo sappia in anticipo, per fortificarti.

Queste crisi, tuttavia, sono superabili. Lo sappiamo perché ci sono scrittori là fuori, che conducono una vita un po’ normale, anche sana e felice. Puoi farlo anche tu, se non ti arrendi.

Quelli che persistono sono quelli che prevalgono.

6. ESSERE VISIBILE
Molti scrittori preferirebbero rimanere nascosti in una grotta oscura per tutta l’eternità. Ma le storie richiedono di essere comunicate, il che significa lasciare quella grotta. Che tu o la tua parola scritta, o entrambi, affrontare la bolla dell’autoisolamento è importante.

Questo non significa aggredire ogni piattaforma sociale e partecipare a ogni festival e convention. Trova il tipo di fidanzamento che ti si addice e abbraccialo, e non esavriarlo. Ricorda: devi ancora scrivere.